errore

Non hai clienti? Il tuo potrebbe essere un problema di percezione

Questo post è una riflessione nata da un caso reale.

Dimostra quanto all’interno delle piccole aziende, soprattutto quelle dei cosiddetti terzisti, sia diffusa un’errata percezione della realtà riguardo la relazione con i propri clienti. Dimostra che le difficoltà per le imprese di ridotte dimensioni derivano spesso da una visione distorta della propria realtà.

Qualche giorno fa in un corso ho chiesto ai partecipanti quanti clienti avesse la propria azienda. Una delle risposte che ho ricevuto mi ha lasciato senza parole e mi ha spinto ad operare una profonda riflessione. Continua a leggere

Ti è piaciuto il post? Condividilo!
Emozioni piccola

Se la ragione non basta

Cosa porta un cliente a ritornare in un negozio o in un ristorante?

È una domanda apparentemente semplice, alla quale rispondere in modo quasi scontato. In effetti in essa si chiede di fatto quale sia l’elemento che più di ogni altro sia in grado di portare il cliente a scegliere la fidelizzazione piuttosto che ricercare nuove opportunità e convenienze nelle offerte della concorrenza.

Quindi, in buona sostanza, cosa influisce maggiormente sulla fidelizzazione dei clienti?

Continua a leggere

Ti è piaciuto il post? Condividilo!
signora aggressiva

Anche tu metti in imbarazzo i tuoi clienti?

Oggi voglio segnalare dei comportamenti ai quali troppo spesso non si fa caso, ma che possono rivelarsi gravemente dannosi, andando a compromettere in modo potenzialmente irreparabile il rapporto con i clienti ed annullando ogni sforzo operato per la loro fidelizzazione. Continua a leggere

Ti è piaciuto il post? Condividilo!
padelle

Se sei un ristoratore dimenticati le padelle!

Oggi voglio parlarvi di un’esperienza che ho vissuto qualche settimana fa e che mi ha fatto riflettere sul vero ruolo di un ristoratore, ma anche di un qualsiasi imprenditore.

Una sera sono andato a cena in una storica trattoria in centro a Bologna. Una tipologia di locale che sicuramente avrai bene in mente: è la classica trattoria che vide giorni gloriosi fra gli anni Settanta e gli Ottanta, quando i clienti correvano a mangiarvi gli ottimi piatti della tradizione.

Il problema è che a quegli anni è rimasta.

Continua a leggere

Ti è piaciuto il post? Condividilo!
lettera

Caro negoziante ti scrivo…

Oggi voglio mostrarti quali problemi possono derivare da una promozione inefficace, proprio per Natale, il momento nel quale dovresti ottenere un incremento sostanzioso delle tue vendite.

Per farlo ti parlerò di un volantino pubblicitario che ho appena ricevuto di un negozio che vende pasta fresca. Naturalmente so benissimo che il tuo negozio è decisamente diverso e tu non vendi tortellini e tagliatelle, ma cerca di comprendere e vedere questo testo come una serie di utili suggerimenti per la promozione della tua attività, soprattutto in questo periodo.

In questo articolo imparerai a strutturare una promozione efficace, sfruttando gli errori degli altri a tuo favore! Pronto? Allora clicca su “continua a leggere” e preparati a scoprire come incrementare le tue vendite con un semplice volantino!

Continua a leggere

Ti è piaciuto il post? Condividilo!

Le tre leve per migliorare i tuoi guadagni

In questo post vorrei partire dalle basi, analizzando i metodi per migliorare i guadagni. lo faccio per chiarire alcuni punti fissi dei quali è bene avere consapevolezza.

Ti avverto subito, ti sembreranno scontati. Ma ti assicuro che in molti conoscono perfettamente queste fondamenta a livello teorico, per poi dimenticarsene completamente appena entrano in azienda.

Soprattutto sono troppe le aziende che perdono di vista l’obiettivo, che puntano sul fatturato senza ricordare che a contare davvero sono i guadagni.
Continua a leggere

Ti è piaciuto il post? Condividilo!

Conosci il principio numero due della vendita?

In questo post vorrei parlarti del principio numero due della vendita, un principio conosciuto da pochi perché troppo spesso viene letteralmente nascosto. Viene rifiutato proprio come se fosse una verità scomoda da divulgare, pericolosa.

Ma quale potrebbe essere il pericolo derivante dalla diffusione di questo principio? E soprattutto, chi vuole tenerlo nascosto?

Prima di tutto vorrei raccontarti una storia, per farti capire l’essenza di questo principio. Continua a leggere

Ti è piaciuto il post? Condividilo!

Anche tu stai per sbattere contro un muro?

In questo post vorrei riflettere intorno ad una mentalità che ritengo del tutto distruttiva, quella che porta un imprenditore a voler “far girare la macchina”, ovvero a voler produrre tanto e velocemente indipendentemente dalle effettive possibilità di vendita.

Pertanto, se sei un imprenditore, stai attento! Verifica che nella tua azienda le cose stiano andando davvero meglio di così, altrimenti rischi grossi guai!

Continua a leggere

Ti è piaciuto il post? Condividilo!

Anche tu sei un imprenditore tafazziano?

In questo post vorrei parlarti di uno dei più grossi errori commessi dagli imprenditori nel tentativo di promuovere la propria attività ed ottenere quindi più clienti. Voglio parlartene per farti capire quanto possa essere dannoso continuare a sfruttare un’ottima risorsa in modo sbagliato e di quanto sarebbe meglio conoscerne i limiti per non farsi del male.

Quindi, dammi retta, smettila di fare errori e di buttare soldi!

Per fare questo ho preso spunto da una figura leggendaria della comicità italiana: il mitico Tafazzi.

Anche tu sei come lui?

Anche tu sei come lui?

Se fai come Tafazzi sarai destinato a soffrire.
Ricordi Tafazzi, il personaggio del trio Aldo, Giovanni e Giacomo? Quello la cui unica azione era picchiarsi le parti basse? Bene, esistono imprenditori che ogni giorno agiscono allo stesso modo, credendo addirittura di agire nel modo migliore per crescere! Continua a leggere

Ti è piaciuto il post? Condividilo!

Chi ti paga lo stipendio?

cropped-logo-definitivo_011.jpg

Oggi vorrei parlarti di un elemento fondamentale per rendere ottimale il rapporto con i dipendenti: l’individuazione della fonte dalla quale deriva lo stipendio da loro percepito.

Da questo deriverà il fatto che tutti i membri di un’azienda debbano essere focalizzati al raggiungimento di un comune obiettivo: la soddisfazione dei clienti.

chi ti paga lo stipendio leggero

Lo stipendio non lo paga il capo.
Quando faccio lezioni ad apprendisti o a dipendenti più “maturi” di aziende intorno al tema della gestione del cliente inizio solitamente ponendo ai partecipanti un semplice quesito: Chi ti paga lo stipendio?
Continua a leggere

Ti è piaciuto il post? Condividilo!