lettera

Caro negoziante ti scrivo…

Oggi voglio mostrarti quali problemi possono derivare da una promozione inefficace, proprio per Natale, il momento nel quale dovresti ottenere un incremento sostanzioso delle tue vendite.

Per farlo ti parlerò di un volantino pubblicitario che ho appena ricevuto di un negozio che vende pasta fresca. Naturalmente so benissimo che il tuo negozio è decisamente diverso e tu non vendi tortellini e tagliatelle, ma cerca di comprendere e vedere questo testo come una serie di utili suggerimenti per la promozione della tua attività, soprattutto in questo periodo.

In questo articolo imparerai a strutturare una promozione efficace, sfruttando gli errori degli altri a tuo favore! Pronto? Allora clicca su “continua a leggere” e preparati a scoprire come incrementare le tue vendite con un semplice volantino!

Caro negoziante…

Oggi nella cassetta postale ho trovato un bellissimo volantino del tuo negozio di pasta fresca.

Complimenti! È fatto benissimo! Stampato su un bel cartoncino plastificato, con i colori giusti, poche fotografie (a dire il vero una è migliorabile), scritto con un carattere sobrio (pur essendoci un errore di battitura e maiuscole messe un po’ a caso) e soprattutto nessuna pacchianata.

Bravo, davvero!

Purtroppo ha solo due problemi, uno grave ed uno gravissimo.

 

Problema grave.

Presenta tutti i tuoi prodotti (ben 19!!!): oltre alla pasta fresca offri anche paste al forno, dolci e persino vini e liquori!

Ma dico io, siamo al primo dicembre ed il Natale è alle porte, perché mi devi parlare di tutto il tuo catalogo prodotti?

Non sarebbe meglio se ti focalizzassi sui tortellini?

In ogni famiglia della zona (abito in Emilia) il 25 dicembre si mangiano i tortellini, alcuni li fanno in casa mentre molti iniziano a comprarli (soprattutto le giovani generazioni) e li vorrebbero “come quelli della nonna“.

Già hai lo sbattimento di farli a mano per renderli comparabili a quelli delle sfogline, ma vuoi fare in modo che i clienti li comprino?

Poi è ovvio che il cliente, una volta arrivato da te, si guardi intorno e compri anche gli altri prodotti che offri! Ma intanto devi attrarlo con il prodotto di cui potrebbe aver bisogno ora!

Te lo ripeto: Natale = tortellini! Chiaro?

Se in dicembre fai una promozione nella quale punti su questi potrai attirare i clienti, altrimenti vuoi solo sparare nel mucchio, come fanno in troppi…

Anche perché te l’avevo già detto: tu devi essere nella mente del cliente quando lui ha bisogno dei tuoi prodotti!

 

Problema gravissimo.

Non è presente nessuna “call to action”. Pertanto risulta come il classico volantino pubblicitario fine a sé stesso, destinato soltanto a comunicare il fatto che il negozio è aperto (da almeno un anno, quindi lo sappiamo già!).

Ma perché io devo venire nel tuo negozio? Solo perché mi hai detto che esiste? Dammi un motivo valido!

Anche perché, quanto ti è costata la campagna di volantinaggio? Vuoi anche sapere quanto ti renderà?

Bene! Metti una bella call to action! Prometti uno sconto o un omaggio ai tuoi clienti che verranno nel tuo negozio col volantino in mano! Almeno saprai in quanti sono arrivati da te grazie al volantino e comprenderai quanto fatturato è stato generato dalla tua promozione!

 

 

Ma tu non l’hai messa e quindi ti chiedo: come farai a verificarne l’efficacia? Hai due possibilità.

 

1) Guardi l’aumento di fatturato rispetto al periodo precedente. Fantastico! Se non fosse che la pasta fresca è di per sé un prodotto stagionale che si consuma (e quindi acquista) soprattutto d’inverno e quindi avrai un fisiologico aumento delle vendite, del tutto indipendente dalla tua campagna pubblicitaria. O almeno devi sperarlo di averla, altrimenti sei nel guano.

 

2) Guardi l’aumento di fatturato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Geniale! Se il negozio fosse già avviato da almeno un decennio, e quindi con una presenza abbastanza stabile nella mente dei clienti. Ma il tuo negozio è nuovo e l’anno scorso in dicembre era appena stato inaugurato, quindi è auspicabile un aumento di fatturato anno su anno! Altrimenti sei in più guano di prima.

 

Ecco perché ti serve una call to action! Perché rende il messaggio più efficace, e soprattutto ti permette di quantificare il fatturato generato dalla campagna pubblicitaria! Quindi se per fare il volantinaggio hai speso 1000 euro e ti ha portato 50 nuovi clienti con in mano il volantino che hanno speso una media di 40 euro ciascuno hai incassato 2000 euro, quindi ti sei ripagato la promozione e ci hai guadagnato altri 1000 euro, capisci?

 

Consiglio finale

Ultima cosa, prova ad immaginare un volantino fatto in questo modo: una sola bella foto dei tuoi tortellini migliori cotti in un buon brodo come da tradizione (so che sai farlo, ti conosco!  🙂 ) ed uno slogan semplice come “per il tuo Natale i tortellini servono freschi, come quelli della nonna”.

tortellini cotti

“Per il tuo Natale i tortellini servono freschi, come quelli della nonna”

Sul retro una foto dei tuoi tortellini crudi, appena fatti, su un tagliere sporco di farina; una bella call to action con scritto “portaci questo coupon e prenota i tuoi tortellini fatti a mano entro il 18 dicembre, li avrai pronti il 24 per gustarli sotto l’albero con tutta la tua famiglia”. Magari prometti uno sconto (o un regalo, ma bello!) per il fatto di averli prenotati con il volantino entro il 18.

tortellini crudi

“Portaci questo coupon e prenota i tuoi tortellini fatti a mano entro il 18 dicembre, li avrai pronti il 24 per gustarli sotto l’albero con tutta la tua famiglia”

 

Perché entro il 18 dicembre?

Perché è qualche giorno prima di Natale, cosa che ti consentirà di pianificarne la produzione e di riuscire ad acquistare un quantitativo definito di materie prime che, come tu sai anche meglio di me, sono deperibili.

Ma soprattutto è efficace per “ridurre i tempi” della scelta, spingendo quindi i tuoi potenziali clienti ad entrare “ora” in negozio (o a contattarti telefonicamente o via e-mail per prenotare i prodotti), evitando quindi facili dimenticanze dovute alla procrastinazione a oltranza della decisione.

Hai notato? Ho focalizzato tutto sui tortellini, niente lasagne, crostate o liquori! Se fai la campagna per Natale e vendi pasta fresca devi spingere sui tortellini, non su tutti i tuoi prodotti!

Se riempi il volantino con tutti i tuoi prodotti non stai facendo un buon lavoro! Aumenti eccessivamente la tua offerta e, contrariamente a ciò che stai pensando, crei solo difficoltà nella scelta ai tuoi clienti! E questo, nel dubbio, ti renderà meno desiderabile.

Spero possa esserti utile…

 

Ti è piaciuto il post?
Mi ha richiesto ore di lavoro e di riflessione, quindi se ti va di farmi un regalo…. Condividilo sui tuoi social network!
Inoltre, su vuoi restare sempre in contatto con Commercio Responsabile iscriviti alla newsletter! Troverai i campi per la registrazione in alto a destra nella pagina!

Ti è piaciuto il post? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *